Arriva un mensile sulla matematica di tutti i giorni

13000355_1063891143657164_7622077777369107031_nLa matematica ha pochissimi fan e forse per questo l’idea di dedicare una rivista proprio ai numeri non era stata mai sperimentata. Arriverà in edicola il mensile “Mate“, diretto da Luciano Regolo ed edito da Centauria. La missione che si dà la testata è quella di divulgare la matematica a un pubblico di non addetti ai lavori.

In ogni numero il mensile approfondirà in termini scientifici i “temi di ogni giorno”, con interviste, dossier, studi, spiegazioni dei teoremi più applicati nella quotidianità. Il primo numero propone un’intervista al matematico Piergiorgio Odifreddi sul “legame tra la matematica dell’amore e la teoria dei giochi di Nash”.

Nel suo primo editoriale il direttore  scrive: “E’ la prima volta che appare un mensile di divulgazione matematica nello scenario dell’editoria italiana. La matematica è un campo del sapere pieno di fascino e che abbraccia ogni aspetto della vita. Questo mensile cerca di sfatare il pregiudizio che la matematica sia appannaggio di pochi eletti”.

A dire se “Mate” sarà un’operazione editoriale in controtendenza rispetto agli sconfortanti dati che arrivano dalle edicole saranno proprio i numeri.

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
crisi dell'editoria, periodici tag: , ,

Informazioni su Giuliana Grimaldi

Sono nata nel 1983 a Catania, ma per colpa della Filologia moderna e del master in Giornalismo sono milanese da ormai una dozzina d'anni. Ho lavorato al quotidiano “Libero”, al canale economico finanziario Class Cnbc e per i siti Lettera43.it, Style.it, Linkiesta.it, Grazia.it. Sono stata curatrice e autrice per Piemme, Marsilio e Itaca Libri. Da nove anni sono coordinatrice e docente del corso di alta formazione "Il piacere della scrittura" dell’Università Cattolica di Milano. Faccio la giornalista per Tgcom24 e LinC. Dall’età di sei mesi ho deciso che dormire era un’attività inutile. Di notte è più bello essere funamboli e fare camminare sulla stessa sottile corda passioni e doveri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *