Il NYT raccoglie e pubblica tutti gli insulti di Trump agli avversari

A prima vista può sembra un lungo elenco di necrologi ma non commemora nessuno, se non il defunto buon gusto: si tratta della sequenza di nomi che ha riempito interamente due pagine del “New York Times”. La lista raccoglie i nomi di tutte le persone che Donald Trump ha insultato via Twitter da quando la sua candidatura alla Casa Bianca è stata ufficializzata.

armando-arrieta-su-twitter-the-trump-insult-list-two-pages-in-today-s-nyt-https-t-co-mcegvo7kn9

La rivale democratica Hillary Clinton è il bersaglio numero uno ma è in buona compagnia.

Insieme all’ex Segretario di Stato e First Lady, figurano artisti, donne, messicani, disabili, il presidente in carica Obama, senatori, sindaci come quello di New York Bill De Blasio, giornalisti, altri candidati alle primarie repubblicane, la dinastia dei Bush.

Non ci sono solo nomi, ma anche luoghi, oggetti, testate, fenomeni che sono stati oggetto di offesa da parte del candidato repubblicano alle presidenziali americane dell’8 novembre: Messico, Isis, televisioni commerciali, Nato e via dicendo.

Nella versione online dell’articolo, il “New York Times” (a sua volta oggetto di offese), inserisce anche i link ai tweet nei quali il tycoon si lascia andare ad epiteti poco consoni alla sua esposizione pubblica e al ruolo che potrebbe andare a ricoprire se gli elettori americani dovessero accordargli fiducia. Appunto, se.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *