Quei posti di lavoro che spariscono in silenzio

10847796_10152449714411367_1412972107240506465_nQuello che segue potrebbe sembrare un bollettino di guerra e forse lo è. In due giorni 49 tra giornalisti, fotografi e operatori televisivi hanno perso il lavoro. Qualcuno dirà che sono poche gocce che si perdono a confronto dell’emorragia di posti che affligge altri settori. Il problema è che si tratta di un trend che ormai va avanti da tempo senza che meravigli più nessuno:   Continua a leggere